ARTE-FATTO, Sguardi creativi sul territorio

Venerdì 31 gennaio si è concluso ARTE-FATTO Sguardi creativi sul territorio il primo laboratorio a cura di Kilowatt, sviluppato grazie alla collaborazione tra Consulting e K2, agenzia di comunicazione di Kilowatt, e gestito da Patrizia Piccin arteterapeuta Artea. Arte-fatto è una delle attività previste all’interno del progetto Skill Lab Experience promosso dal Comune di Bologna – Quartiere Santo Stefano, con capofila CIOFS FP/ER, nel più ampio percorso delle Scuole di Quartiere.

Il laboratorio, rivolto a ragazzi e ragazze, è stato pensato per stimolare nei partecipanti uno sguardo attivo verso lo spazio che attraversano quotidianamente, per entrare in relazione con gli attori del territorio, che a loro volta parlano e ascoltano, ed elaborare un proprio pensiero creativo.

A partire dall’esplorazione del quartiere Santo Stefano e nello specifico le botteghe artigiane di Bifranci Ceramica, Gianluigi Prata e lo studio degli artisti Antonello Ghezzi, i ragazzi e le ragazze sono stati invitati a rielaborare le suggestioni e gli stimoli ricevuti attraverso gli strumenti dell’arte, con l’aggiunta di alcune procedure artistiche particolari, come la fotografia e lo sketchbook.

L’obiettivo finale del laboratorio era quello di realizzare un prodotto creativo di gruppo, pensato per valorizzare le competenze dei partecipanti e il loro personale sguardo sul territorio in accordo con e rispettando la visione collettiva del gruppo. L’elaborato finale è stato sviluppato grazie alla guida di Yuuy, un progetto di legatoria artistica che utilizza gli scarti industriali di uso quotidiano per dare vita a nuovi oggetti.

Il progetto è finanziato attraverso i fondi PON Metro 2014-2020 – Asse 3 – Progetto BO3.3.1c8 PROGETTO SANTO STEFANO “SKILL LAB EXPERIENCE” – CUP F39F19000160007