Nausicaa: Costruzione di un modello prototipale per l’inclusione abitativa

Il progetto NAUSICAA nasce per favorire e sostenere l’inserimento e l’autonomia socio-abitativa per quella fascia della popolazione che, pur avendo un reddito, non presenta le garanzie formali che l’affittuario richiede: il progetto mira a supportare l’accesso dei cittadini stranieri nel mercato immobiliare privato della Città Metropolitana di Bologna.

Il progetto è finanziato dal Fondo Nazionale per le Politiche Migratorie 2019 ed è gestito dal Consorzio l’Arcolaio, in collaborazione con il Comune di Bologna, l’ufficio per il lavoro e i Servizi Abi tativi di ASP Città di Bologna.

Nell’ambito del progetto NAUSICAA, Kilowatt ha curato la costruzione di un modello prototipale di garanzia per l’affitto, basandosi su un lavoro di ricerca attraverso attività di benchmarking e investigazione sul campo con 11 interviste a soggetti esperti selezionati. Il modello si propone di offrire una risposta multi-dimensionale al problema complesso dell’abitare, in particolare riferimento a cittadini di paesi terzi, richiedenti o titolari di protezione internazionale, in uscita dal sistema di accoglienza. Dopo una prima fase di sperimentazione, il progetto è pensato per aprirsi anche ad una fascia più ampia della popolazione, detta “fascia grigia”, ossia quelle persone con entrate ma non fisse (non contratti T.I.), in grado di pagare un affitto ma senza una garanzia da offrire all’affittuario.